giovedì 9 dicembre 2010

Turdilli Calabresi

Buongiorno a tutti!!! Come promesso oggi vi lascio la ricetta di un dolce tradizionale calabrese...non so se sia questa la ricetta originale, ma mia nonna lo ha sempre fatto così (è originaria di Rota Greca in provincia di Cosenza)...ed è delizioso!!!! Questo dolce è sempre stato presente sulla tavola natalizia della nostra famiglia e mi evoca dolcissimi ricordi...il Natale di quando eravamo bambini è sempre stato vissuto come un grande festa, ricevamo tantissimi regali, ma soprattutto eravamo amati e coccolati...come dovrebbero essere tutti i bambini...mi ricordo le tavolate colme di ogni prelibatezza (avete presente quando Franco Neri descrive i Calabresi a Zelig...ecco non fa umorismo...dice solo la verità!!!) e i miei nonni, che erano il fulcro che teneva le fila di tutto e tutti...sono stati grandiosi, amorevoli, presenti e io non smetterò mai e poi mai di ringraziarli di avermi fatto vivere una vita fortunata e serena...oggi mio nonno non c'è più e mia nonna e un pò più vecchietta ma rimane sempre un "Bersagliera" pazzerella, grande donna, madre e moglie...per farvi capire quanto mi ama mia nonna, basta dirvi che da quando ha saputo che ho un blog (non ha capito proprio bene di che si tratta, sa solo che faccio ricette e le fotografo...:-P) uno dei suoi principali pensieri è trovare ricette da propormi, e persino si cimenta nella decorazione dei piatti!!!...cosa che a 80 anni non è da tutti!!!

Per questa ricetta si usa il miele di fichi, un prodotto tipico calabrese e molto difficile da trovare nelle altre regioni...si può sostituire con il miele di api...anche se quello di fichi regala ai dolcetti un sapore e un profumo meraviglioso!

Turdilli (calabria)

Ingredienti

1Kg farina
2 bicchieri di vino
1 bicchiere di olio di semi
1 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di sale
miele di fichi (o miele normale)


Preparazione

In una pentola far bollire il vino, l'olio, lo zucchero e il pizzico di sale. Una volta raggiunto il bollore togliere dal fuoco e aggiungere pian piano (un mestolo per volta) alla farina che avrete versato nel frattempo in una ciotola capiente. Impastare prima con un cucchiaio di legno (ricordate che il liquido è bollente) e poi con le mani come fosse una frolla. Lasciar riposate per circa mezz'ora

Passata Mezz'ora formare con l'impasto i turdilli che hanno la forma degli gnocchi solo più grandi.


Eccoli qui ancora da cuocere



Friggere i turdilli in olio di semi molto caldo finchè non diventano dorati



Eccoli cotti



Una volta cotti, porre in una pentola il miele di fichi e portare a bollore. Mentre il miele bolle buttare nella pentola i turdilli in modo che assorbano e si cospargano di miele (i turdilli devono stare nel miele bollente solo pochi secondi!!!)
Lasciar raffreddare...il giorno dopo sono ancora più buoni!!!!
Eccoli coperti di miele.



A presto!!!!

13 commenti:

  1. Le nonne lasciano sempre le ricette migliori!!! :)

    RispondiElimina
  2. sono sempre buonissime le ricette delle nonne!!!
    che buoni che devono essere!!

    RispondiElimina
  3. buoni, veramente buoni!!! per non parlare poi del miele di fichi!!!! ..... dolci che hanno il sapore tradizionale del "Natale" calabrese. Grazie alla nonna, questa ricetta continuerà a rallegrare le nostre tavole per le Festività Natalizie

    RispondiElimina
  4. Il miele di fichi....mi manca!!!!!!!!
    Mi hai messo una curiosità!!!!!
    Devono essere meravigliosi questi dolci!!!!!
    Dai un bacio a nonna!!!!!
    Ciao Fefina!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. ♥♥ Olá, amiga!
    ♥ A receita é tudo de bom!!!Com todos esses ingredientes deliciosos.♥♥
    Seu blog está muito bonito. ♥
    ♥ Beijinhos.
    Brasil♥♥

    RispondiElimina
  6. Devono essere squisiti questi turdilli e devo ammettere che non li conosco, ragione in più per provarli... le nonne... la mia mi manca tanto e quando mi viene voglia di fare la pasta fatta in casa come la preparva lei è come se fosse ancora con me!

    RispondiElimina
  7. Mi piacciono molto questi dolcetti ma volevo sapere: il vino deve essere bianco secco o va bene anche quello dolce del tipo vin santo???
    Baci

    RispondiElimina
  8. @grazia: il vino che usiamo è il bianco secco!!!! provali sono molto particolari!
    un bacione a tutti!!!!!

    RispondiElimina
  9. Che acquolina...ne potessi avere uno caldo ora...
    uhm che sogno
    baci

    RispondiElimina
  10. buonissimi!!! adoro le ricette della tradizioneee!! grazieeee!!!

    RispondiElimina
  11. io sono calabrese ma questa ricetta non la conoscevo, ma dev'essere sicuramente buonissima, le ricette delle nonne sono intramontabili :).

    RispondiElimina
  12. La vorrei io una nonna così, falle i complimenti da parte mia!!!!!! Le ricette della tradizione sono le migliori, soprattutto quando sono legate ai nostri ricordi!!!!!
    Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  13. Una ricetta meravigliosa, complimenti la voglio provare anche se sono convinta con il miele di fichi è più particolare. Questa estate quando vengo in Calabria lo cerco!

    RispondiElimina