giovedì 23 dicembre 2010

Auguriiiiiiiii!!!!...Muffin con gocce di cioccolato


Eccomiiiiiii!!!! Scusate l'assenza prolungata ma ho avuto delle giornate pienissime, non mi sono fermata un attimo....tra ragali di Natale, feste di compleanno, riunioni varie sono stata praticamente tutto il giorno fuori casa...meno male che domani iniziano le Feste!!!!!!

Volevo poi ringraziare tutte voi che siete passate a farmi gli auguri per il mio compleanno....oramai siamo a 29....la festa è andata benissimo...ho festeggiato in un locale a Roma in piazza Barberini...abbiamo cominciato dall'aperitivo e poi via fino a tarda notte con musica e tante risate!!!! E' veramente bellissimo provare la tangibile sensazione di avere tanta gente intorno che ti vuole bene...!!!! E i miei amici hanno pensato, per i regali, a molte cosine per sostenere il blog....ho ricevuto una digitale (finalmente...la mia era rotta!!!), un corso al Gambero Rosso di pasticceria salata, e un sacco di libri di cucina...ma tantissimi!!!! Sono moooolto soddisfatta....diciamo che ho ricette programmate per tutto il 2011!!!!!!
E ora vi lascio la ricetta dei Muffin che ho usato per i miei regalini di Natale...un successone!!!! La ricetta è stata presa da qui



Muffin con gocce di cioccolato


Ingredienti

250g di farina 1bustina di lievito
150 g di zucchero
1 pizzico di sale
1 uovo
200 ml di latte 100 g di burro, oppure 80 ml di olio leggero

Una tavoletta di cioccolato al latte a scaglie

Preparazione

Setacciare in una ciotola la farina e il lievito. Unire lo zucchero, un pizzico di sale e mescolare.
In una seconda ciotola rompere l'uovo e sbatterlo con i denti di una forchetta. Unire il latte a filo, mescolando con una frusta da cucina, quindi il burro fuso ed intiepidito, oppure l'olio, sempre mescolando.
Unire gli ingredienti liquidi a quelli secchi e amalgamare non troppo accuratamente. Unire le gocce di cioccolato e mescolare con un cucchiaio di legno. Riempire i pirottini con l'impasto per 2/3. Cuocete a 180° per 20 minuti. Le dosi sono per 12 muffin
Trascorso il tempo indicato spegnere il forno, aprire lo sportello ed attendere 5 minuti prima di sfornare.




Vi auguro di passare un meraviglioso Natale, circondati solo da amore e affetto e di riscoprire nella semplicità di questa giornate, la felicità del cuore...
e vi auguro un 2011 che realizzi tutti i vostri più profondi desideri!!!!





A prestissimo!!!!!

sabato 18 dicembre 2010

Happy Birthday to me!!!!!!


Oggi è il mio compleanno!!!!! Vado a festeggiare e domani torno più pimpante che mai con nuove ricettine!!!!!!!!!

un bacione a tutti quelli che passano di qua!!!!!


P.s. l'mmagine è presa da internet...

lunedì 13 dicembre 2010

Tarallucci abruzzesi



Buongiorno...e Buon Lunedì! Come promesso oggi dal profondo sud Italia saliamo un pò...e vi lascio una ricetta tipica abruzzese che fa sempre mia nonna (paterna) per Natale...é un dolcetto molto particolare, profumato e con un gusto che sa proprio di festa...I Tarallucci abruzzesi....Chiedo sempre scusa se qualcuno dovesse notare che la ricetta non è originale ma come già detto, questa è la ricetta che fa mia nonna, e la fa così da quando era molto piccola...quindi se dovesse essere cambiato qualcosa proprio non so....in ogni caso sono facili da fare e fanno molta figura sulla tavola natalizia!!!

Non sono riuscita a tirar fuori neppure una dose esatta dalla bocca di nonna....dice che deve essere fatto a occhio...secondo il gusto...a parte la pasta che invece ha delle specifiche proporzioni!!!

Tarallucci abruzzesi


Ingredienti

Per la pasta:
La stessa dose di olio e vino (bianco secco)
Farina q.b (deve venire fuori una frolla morbida ed elastica!)

Per il ripieno:
Cioccolato a scaglie fondente
noci tritate
buccia di 1 arancia
2 o 3 cucchiai di cacao in polvere
caffè (1 bicchiere)
marmellata (la ricetta prevede l'uvata ma è impossibile da trovare quindi si può usare qualsiasi tipo di marmellata)
una spolverata di cannella

Preparazione.
In un tegame fate bollire il vino e l'olio. Spegnere il fuoco e aggiungere il liquido caldo sulla farina (poco a poco in modo da potervi regolare su quanta ne riceve). Impastare come un frolla e far raffreddare.
Ecco la frolla stesa. In realtà andrebbero fatti come dei "ravioli" (vedi foto sotto) ma spesso nonna fa anche una tortina che poi porta a tavola a Natale quindi abbiamo fatto tutti e due i formati.



Per il ripieno in un tegame unire insieme tutti gli ingredienti: caffè, marmellata, noci, cacao, cioccolato in scaglie, buccia d'arancia a cannella. Fate bollire il composto finchè la crema non si addensa. Spero che dalla foto si capisca la consistenza della crema. Se la crema non si addensa abbastanza aggiungere del pangrattato.



Far raffreddare la crema. Infine stendere la frolla in una teglia oppure tagliarla in piccoli dischetti. Spalmare la crema sulla frolla o porla al centro di ogni dischetto. Con l'altra metà della frolla coprire la tortina (l'impasto è molto morbido ma non vi preoccupate, anche se ricostruite il sopra della tortina in piccoli pezzi andrà benissimo perchè in cottura sarà perfettamente amalgamato e unoforme.

Cuocere a 180° per 40-45 minuti! (controllate ogni tanto che il mio formo è molto strano!!!)

Spolverate di zucchero a velo.





giovedì 9 dicembre 2010

Turdilli Calabresi

Buongiorno a tutti!!! Come promesso oggi vi lascio la ricetta di un dolce tradizionale calabrese...non so se sia questa la ricetta originale, ma mia nonna lo ha sempre fatto così (è originaria di Rota Greca in provincia di Cosenza)...ed è delizioso!!!! Questo dolce è sempre stato presente sulla tavola natalizia della nostra famiglia e mi evoca dolcissimi ricordi...il Natale di quando eravamo bambini è sempre stato vissuto come un grande festa, ricevamo tantissimi regali, ma soprattutto eravamo amati e coccolati...come dovrebbero essere tutti i bambini...mi ricordo le tavolate colme di ogni prelibatezza (avete presente quando Franco Neri descrive i Calabresi a Zelig...ecco non fa umorismo...dice solo la verità!!!) e i miei nonni, che erano il fulcro che teneva le fila di tutto e tutti...sono stati grandiosi, amorevoli, presenti e io non smetterò mai e poi mai di ringraziarli di avermi fatto vivere una vita fortunata e serena...oggi mio nonno non c'è più e mia nonna e un pò più vecchietta ma rimane sempre un "Bersagliera" pazzerella, grande donna, madre e moglie...per farvi capire quanto mi ama mia nonna, basta dirvi che da quando ha saputo che ho un blog (non ha capito proprio bene di che si tratta, sa solo che faccio ricette e le fotografo...:-P) uno dei suoi principali pensieri è trovare ricette da propormi, e persino si cimenta nella decorazione dei piatti!!!...cosa che a 80 anni non è da tutti!!!

Per questa ricetta si usa il miele di fichi, un prodotto tipico calabrese e molto difficile da trovare nelle altre regioni...si può sostituire con il miele di api...anche se quello di fichi regala ai dolcetti un sapore e un profumo meraviglioso!

Turdilli (calabria)

Ingredienti

1Kg farina
2 bicchieri di vino
1 bicchiere di olio di semi
1 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di sale
miele di fichi (o miele normale)


Preparazione

In una pentola far bollire il vino, l'olio, lo zucchero e il pizzico di sale. Una volta raggiunto il bollore togliere dal fuoco e aggiungere pian piano (un mestolo per volta) alla farina che avrete versato nel frattempo in una ciotola capiente. Impastare prima con un cucchiaio di legno (ricordate che il liquido è bollente) e poi con le mani come fosse una frolla. Lasciar riposate per circa mezz'ora

Passata Mezz'ora formare con l'impasto i turdilli che hanno la forma degli gnocchi solo più grandi.


Eccoli qui ancora da cuocere



Friggere i turdilli in olio di semi molto caldo finchè non diventano dorati



Eccoli cotti



Una volta cotti, porre in una pentola il miele di fichi e portare a bollore. Mentre il miele bolle buttare nella pentola i turdilli in modo che assorbano e si cospargano di miele (i turdilli devono stare nel miele bollente solo pochi secondi!!!)
Lasciar raffreddare...il giorno dopo sono ancora più buoni!!!!
Eccoli coperti di miele.



A presto!!!!

lunedì 6 dicembre 2010

Polpettine di Speck e Patate


Buon Lunedì a tutti!!!

Spero che abbiate trascorso un bellissimo weekend!!! Mi ripropongo sempre di postare qualche cosa durante il Sabato e la Domenica...ma alla fine proprio non riesco!!! Un pò per gli impegni, un pò per pigrizia...insomma io d'inverno divento un orsetto sonnacchioso, pigro e lentissimo!!!!
Oggi volevo lasciarvi la ricetta di un finger food/aperitivo che secondo me è adattissimo per le feste che sono alle porte...Fino ad oggi non mi sono mai trovata a dover cucinare per le feste (solo piccole cose fatte di testa mia in più!) perchè lo hanno sempre fatto le mie nonne e zie per tutta la famiglia...devo dire però che il menu è sempre stato un tantino ripetitivo...e quando scoprono un piatto nuovo...siamo costretti a mangiarlo per i 5 anni successivi, finchè non ne trovano un altro da proporre!!! Mi piacerebbe molto, appena avrò una casetta più grande, preparare io la cena o il pranzo di Natale, in modo da proporre piatti originali e stuzzicanti, che non ti costringano a rimenere seduto troppo tempo e che ti lascino sempre uno spazietto libero per un'altro assaggino!!!! ;-) Ma il Natale è anche questo no?? Piatti della tradizione, tavola imbandita, pance piene e gote arrossate!!! Io poi, ho la mamma calabrese e il papà abruzzese (e si sono incontrati a Roma...il destino!) per cui ho vissuto questo periodo sempre alla scoperta delle tradizioni di queste splendide regioni...!!! Tant'è che di tradizioni laziali ne so poco o nulla...ho già messo le mie nonne all'opera e nei prossimi giorni posterò qualche ricettina tipica delle loro terre!!! E passiamo alla ricetta di oggi presa dal libro della Prova del cuoco "Oggi cucini tu"...non riporto fedelmente la ricetta ma vi dico le dosi e il procedimento che ho usato io...

Polpettine Speck e Patate



Ingredienti

15 fettine di speck
5 patate medie

1 uovo e 1 tuorlo
pangrattato
Parmigiano
Brie a cubetti
sale
olio

Preparazione

Lessare le patate. Ancore calde passarle nello schicciapatate e far raffreddare. Aggiungere alle patate l'uovo, il tuorlo, il parmiggiano e aggiustare di sale. Lasciare il composto a riposare in frigo qualche ora. Trascorso il tempo necessario prelevare il composto con un cucchiaio e formare della palline a cui aggiungerete nel centro un cubetto di brie. Passare ogni pallina nel pangrattato e avvolgerla con una fetta di speck (fermandola con uno stuzzicadenti). Disporre le palline in una pirofila unta e passare in forno a 180° per 25 minuti.

Buona settimana!!!

venerdì 3 dicembre 2010

Torta di Carote e Mandorle


Ciao a tutti e buon Venerdì!!! Oggi vi lascio la ricetta della torta di carote! Era da moltissimo tempo che avevo voglia di provarla...devo dire che mi ha conquistato! Mi piace moltissimo, ha la giusta morbidezza, dolcezza e mettiamoci pure che è sana è leggera!!!!!

Prima della ricetta però vorrei sponsorizzare un evento di Beneficenza che si terrà a Roma il 6 Dicembre. Si tratta di una serata organizzata dall' Associzione Peter Pan al Gran Teatro di Roma a favore dei bambini onco-ematologici. Ci sarà musica, danza, comicità e solidarietà ed il tutto è reso possibile grazie alla generosità di artisti che si esibiranno gratuitamente a sostegno dell'evento. Vi lascio il
link per chi fosse interessanto a partecipare e anche il sito dell'Associazione. Io ci sarò!!! ;-)

Ma passiamo alla ricetta!!! Ho preso spunto dallo splendido Blog di Misya



Torta di carote e mandorle

Ingredienti

2 uova
100g di zucchero
un bel cucchiaio colmo di miele
100g mandorle
300g carote
280g farina
100ml olio
100ml di succo ace (o arancia come preferite, anzi meglio mettere una bella spremuta di arancia fresca!!!)
1 bustina di lievito per dolci

Preparazione

Lavare le carote e sbucciarle. In un mixer ho tritato finemente le carote e le mandorle.
A parte in un contenitore montare le uova con lo zucchero e il miele fino ad ottenere un composto spumoso e quasi bianco. Aggiungere le carote e le mandorle tritate. Aggiungere, infine, l'olio, il succo, e in seguito la farina e il lievito. Foderare uno stampo per torte con della carta forno e versare il composto ottenuto. Cuocere in forno a 180° per circa 45 minuti. (Prova stecchino mi raccomando!!!) Far raffreddare e cospargere di zucchero a velo!

Ottima!!!! Un bacione a tutti e Buon weekend!!!!

mercoledì 1 dicembre 2010

Zuppa "Light di farro e zucca e....commercio equo e solidale!!!


Buon Mercoledì!!! In previsione delle feste Natalizie ho cominciato a fare un pò di dieta...niente di drastico, sto cercando semplicemente di preparare piatti più leggeri e soprattutto preparati da me...è da quest'estate che, infatti, stiamo esagerando un pò con i pranzi e le cene al ristorante...non che abbia nulla al in contrario, anzi, io adoro mangiare fuori, però è stato un vero attacco alla mia linea...:-P devo rimediare in fretta!!! Ieri sera, approffittando di un pomeriggio grigio e casalingo, ho preparato una buonissima zuppa, leggera, sana e anche molto gustosa...che c'è di meglio???!!!
Qualche tempo fa ho assaggiato ad un pranzo di lavoro una deliziosa zuppa di farro e zucca...ne sono rimasta molto colpita e volevo ricrearla...ho cercato nei vari blog e sui miei libri una ricetta che potesse andare bene ma c'erano troppi soffritti e non volevo mettere neppure la cipolla (che mi rimane un pò indigesta)...alla fine ho fatto di testa mia e devo dire che sono rimasta molto soddisfatta!!!!

Zuppa "Light" di farro e zucca


Ingredienti

Circa 400g di zucca gialla
3 patate medie
2 carote
dado granulare vegetale
Sale speziato per verdure (una selezione di cristalli di sale e spezie miscelate come pepe nero, scorza di limone, aglio, prezzemolo e zucchero di canna) - Vedi sito Commercio Alternativo
Rosmarino
Farro Circa 250g


Preparazione

Ho tagliato a pezzetti la zucca, le patate e le carote. Le ho messe in una pentola con acqua fredda (deve ricoprire abbondantemente le verdure) e ho aggiunto un cucchiaino di dado granulare, un bel pò di sale speziato e del rosmarino. Ho fatto cuocere per circa 45 minuti.
Nel frattempo ho cotto a parte il farro in acqua bollente lievemente salata per circa 35 minuti.
Una volta cotte le verdure le ho frullate per formare una bella crema (se vedete che c'è troppa acqua, toglietene un pò prima di frullare). Una volta cotto il farro, scolarlo e aggiungerlo alla crema di zucca. Ho rimesso il tutto sul fuoco per circa 5 minuti per far insaporire bene.
Il gioco è fatto!


Prendo spunto dal sale speziato per introdurre un tema a me molto caro, di cui parlerò più approfonditamente in un post a parte: il Commercio EquoSolidale. Vi lascio il
Link che vi spiega un pò di cosa si tratta. Le botteghe del Commercio equo e solidale sono dislocate in tutta Italia...non si tratta di beneficenza ma di un vero e proprio sostegno attivo a progetti che vengono portati avanti nei paesi in via di sviluppo. Alcuni progetti, inoltre, vengono sviluppati da cooperative Italiane e sostengono realtà disagiate presenti nel nostro paese come i disabili, i carcerati, ma ci sono anche attività a sostegno dell'ambiente e dell' agricoltura sostenibile. Dietro ad ogni prodotto c'è un progetto predefinito e non c'è lucro da parte delle Botteghe Italiane. Io personalmente mi rifornisco e faccio "volontariato" come commessa in una Bottega del Commercio Equo e Solidale. Vi lascio il link della mia bottega nel caso foste interessati a saperne di più!
"Equovadis", ci troviamo in zona Roma Nord via Serra - 00191
Tel 06/33221125
Apertura: lunedì dalle 16 alle 19.30
martedì - sabato dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.30


Partecipo con questa ricetta al contest di "
Ti cucino così" - Minestre e Zuppe